Articoli

La Carbonara e il vino: il miglior abbinamento

Oggi è il Carbonara day! scopriamo il miglior vino per questa ricetta?
Stand up ovation per uno dei re delle ricette di pasta italiane. Signore e signori, Sua Maestà: la Carbonara.
Questo non è solo uno dei piatti più prelibati della cucina romana, è una bandiera della cucina romana.

Chi lo ha inventato? la nascita è avvolta dal mistero.

La città di Roma ha assunto questa ricetta come locale e tradizionale. Tuttavia non c’è traccia di carbonara nei libri di cucina prima del secolo scorso.
Apprezzata e imitata in tutto il mondo,  questa ricetta sembra risalire al periodo dell’immediato secondo dopoguerra.
Alcuni collegano la creazione del piatto con l’arrivo dei soldati americani.
Sembra che siano stati loro a far conoscere ai romani le uova in polvere abbinandole alla pancetta.
Il grande ristoratore italiano Luigi Carnacina ha sostenuto il contrario. La carbonara era la ricetta del taglialegna durante le pause.
In altre parole, esistono molte versioni di questo piatto tipico.
I Menù dei ristoranti ne presentano rivisitazioni e varianti. Con funghi, avocado, pollo, gamberetti e così via, con pancetta o pancetta, utilizzando solo il tuorlo o l’uovo intero.
Ad alcuni piace aggiungere il Parmigiano Reggiano, altri come il Grana Padano mescolato al Pecorino Romano.
Ma non citate la pancetta a un vero chef romano.

La Carbonara Romana.

Per i romani la Carbonara è un caposaldo della cucina tradizionale, intoccabile.
In altre parole, le variazioni non sono molto apprezzate.
La ricetta tradizionale a Roma, in sostanza, prevede guanciale (guanciale), uova, pecorino romano e pepe nero (pepe nero).
In realtà la Carbonara è un piatto proiettato al futuro, quindi, al mutare del gusto, evolve anche la ricetta.
Ecco perché la nuova generazione di chef sta modificando un po ‘la ricetta classica.
Un esempio è l’impasto del pecorino romano con una percentuale di Parmigiano Reggiano o grana padano.
Questo mix rende meno aggressivo il sapore salato del pecorino.
La ricetta risulta più moderna, quindi, più adatta alle papille gustative delle nuove generazioni.

Quale vino si abbina perfettamente alla carbonara?

Innanzitutto, concentriamoci sulle caratteristiche organolettiche del piatto. Questa è una ricetta complessa piena di gusto. Forte la presenza del gusto a tendenza dolce, dovuto alla pasta, all’uovo e al formaggio.
Il pecorino salato e speziato bilancia le sensazioni dolci. Inoltre le sensazioni speziate del pepe nero aggiungono aroma alla salsa.
In questa ricetta il pepe nero gioca un ruolo fondamentale. L’ aroma di affumicato è presente nel piatto. Ciò è dovuto al guanciale che è un salume molto aromatico.
Questa ricetta presenta un’evidente sensazione di grasso non solo per il grasso della carne, ma anche per il tuorlo d’uovo e per il formaggio.
Per un migliore abbinamento di vini, quindi, cercheremo un vino che bilanci l’untuosità, la sapidità e il piccante.
Il vino di cui abbiamo bisogno è quindi fresco, aromatico e di buon corpo.

Meglio scegliere un bianco, rosato o rosso?

L’abbinamento cromatico chiamerà bianco o rosato, ma se bevi solo vino rosso, puoi trovarne uno adatto.
Questa è la nostra carta dei vini bianchi consigliati.

1. Frascati Superiore DOCG di Merumalia questo straordinario vino biologico, prodotto in un vigneto di famiglia ossessionato dalla qualità è perfetto per la carbonara. La freschezza e la mineralità di questo vino equilibreranno la dolcezza e le sensazioni grasse del piatto. L’aromaticità della Malvasia di Candia (uno dei vitigni utilizzati per produrre questo vino) si sposa perfettamente con l’aroma della carne e del formaggio.
2. Fiano di Avellino DOCG del Passo alle Tortore. La freschezza di questo vino, prodotto da una cantina femminile guidata da un giovane enologo francese si sposerà perfettamente con la ricetta.
3. Bellone bianco Capolemole IGT di Marco Carpineti – una famiglia che sceglie la strada dell’agricoltura biologica, che rifiuta l’uso di diserbanti, fertilizzanti chimici e / o prodotti di sintesi. Sapore fruttato e floreale per un vino bianco perfetto per la ricetta.
4. Etna Bianco DOC Mofete di Palamento Costanzo -questa è piccola e deliziosa cantina, quasi una boutique, grazie ai suoi vini raffinati. White Etna è per il 70% Carricante e per il 30% Catarratto, con aromi floreali di ginestra, erbe aromatiche, note agrumate e suggestioni minerali. Freschezza e sapidità al palato, con un finale che ritorna su note floreali.

non bastano?

5. Ribolla Gialla Collio DOC di Blazic di Cormons – Fruttata, limone e banana, fine ed elegante, complessa con un bouquet di fiori semplici che blnisce perfettamente il gusto del piatto.
6. Sauvignon Vulcaia di Inama – rivela aromi intensi di sambuco e frutta tropicale matura, crosta di pane, erbe aromatiche fresche e pietra spaccata. Al palato rivela grande corrispondenza e freschezza, con richiami a note vegetali nel finale.
7. Malvasia delle Tre Venezie di Rigonat – ideale per un aperitivo e perfetta da abbinare a primi piatti a base di crostacei, la Malvasia di Rigonat, proveniente dalle terre delle Venezie, è un bianco estremamente piacevole, ricco di frutta, pieno di freschezza e attraversato da quei preziosi sentori sapidi e minerali.

I vini rosati con la Carbonara

8. Girofle Rosè di Severino Garofano – l’uva Negroamaro in una forma diversa, un rosso corallo brillante mescolato a toni di ciliegia. Un profumo penetrante, caldo e ricco, una spezia di grande carattere e personalità.
9. Chiaretto Rosa dei Frati di Ca ’de frati – fresco e delicato con un ventaglio di fiori di biancospino, mela verde e amarena, mentre al palato stimola con la sua freschezza e sapidità.
10. Visone di Feudi di San Gregorio – un vino rosato che proviene dall’Aglianico dell’irpinia. Profumo fragrante e vinoso che ricorda fragoline di bosco, fiori di campo, ciliegie succose e leggere sfumature marine. Il gusto è magro e diretto, di grande bevibilità, energizzato da una soddisfacente freschezza e da un leggero profumo sapido.
11. Cerasuolo d’Abruzzo Mysotis di Zaccagnini – Il naso è coccolato da sensazioni rinfrescanti, in cui è il piccolo frutto rosso che si apre a toni più profondi, che richiamano il ferro. Al palato è di medio corpo, con un sorso caratterizzato da un gusto secco, con una piacevole componente fresca. Chiude con un finale fruttato di buona persistenza.

Un vino rosso per la Carbonara

12. Lago di Caldaro Schiava classico superior di Erste + Neue – Al naso è avvolto da aromi che ricordano la frutta, con un leggero sentore di mandorla in sottofondo. Al palato è rotondo, vivace, fresco, di ottima bevibilità. Questo vino rosso si abbina alla carbonara.

Buon appetito e buon abbinamento!