Bakeries in Rome: a little bit of history

PIATTI DELLA TRADIZIONE ROMANA: il Pane

Gli antichi romani non conoscevano il pane, mangiavanoo qualcosa chiamato “puls”. Il Pusl può essere considerato il cibo tipico degli antichi romani preparato con farro (farro).

Quando l’antica Roma divenne sempre più influenzata dalla tradizione alimentare greca, il pane iniziò a essere popolare anche a Roma.

All’inizio la preparazione del pane “alla greca” era solo per la cucina casalinga ed era considerata una tendenza esotica, molto criticata dai conservatori.

Quando l’impero romano conquistò la Grecia, molti esperti fornieri raggiunsero Roma e il pane divenne finalmente popolare. Così popolare che sono state cotte molte varietà diverse e alcuni imperatori erano soliti regalare di tanto in tanto alla popolazione. Durante l’impero di Augusto a Roma c’erano più di 300 panetterie e tutte gestite da persone greche.

Dopo la caduta dell’Impero Romano e un lungo periodo di buio, il pane è tornato per essere cucinato solo a casa fino ad oggi.

Tutti noi ricordiamo di nostra nonna che fa il pane in casa.

Se vuoi scoprire di più sulla tradizione del pane in Italia, partecipa ai nostri tour gastronomici.

Prova a fare il pane a casa (600g :

Farina: 350g 

Acqua: 210 ml.

Olio Evo: 1 cucchiaino

Zucchero: 1 cucchiaino

Sale: 1 cucchiaino

Lievito: se essiccato 4g; se fresco: 10 g 

Mescola tutti gli ingredienti con forza, quindi fai riposare l’impasto per 8 ore in un luogo protetto come il tuo forno con solo la luce accesa (senza calore) e una grande tazza di acqua bollente in un angolo (per mantenere l’ambiente umido).