Piatti della tradizione italiana: Prosciutto e melone

Prosciutto e melone: un piatto antico più di 3000 anni

Arriva l’estate e con lei uno dei piatti-simbolo della cucina italiana : prosciutto e melone. 

Un abbinamento frutto di un sapere che arriva dritto dall’epoca degli Etruschi e dei Romani: i sapori agrodolci.
Infatti ,secondo gli antichi, il calore del corpo era dovuto a un «fuoco interno» che scaldava le membra. Di conseguenza, i cibi freddi e umidi andavano abbinati a cibi caldi e secchi, in grado di mitigare le conseguenze negative sulla salute. Ecco spiegato origine dei sapori agrodolci: formaggio con le pere, pesche col vino e prosciutto e fichi o melone.

Ma è con la pubblicazione  della “La scienza in cucina l’arte di mangiar bene”, di Pellegrino Artusi, del 1891,che ritroviamo l’antipasto dell’estate: «Popone col prosciutto e vino generoso perché giusta il proverbio: Quando sole est in leone/ pone muliem in cantone/ bibe vinum cum sifone», ovvero durante l’estate tralascia Venere e privilegia Bacco.

Ingredienti

  • 200g di prosciutto crudo Dop (Denominazione di Origine Protetta) o Igp (Indicazione Geografica Protetta)
  • 1 melone , possibilmente retato.

Preparazione

Taglia il melone a fette seguendo la forma del frutto stesso. Successivamente Rimuovi i  semi e la buccia ed metti il melone su un piatto da portata. Adagia , quindi, su ogni fetta di melone una di prosciutto.

Ma lo sapevi che:  A ogni melone il suo prosciutto!

Il modo originale per trasformare questo semplice piatto in un antipasto gourmet, sta nella scelta degli abbinamenti giusti, rigorosamente italiani.

Per andare sul sicuro basta puntare, quindi sulle specialità regionali  cosi per esempio, un melone mantovano Igp, coltivato tra le province di Emiliane  è sempre consistente e dolce. L’ideale è quindi servirlo con un prosciutto di carattere, come il Crudo di Cuneo Dop.

Se invece, volete stupire i vostri commensali con una chicca, provate ‘il Tamaris’: un melone Igp poco conosciuto (tranne che agli chef), caratterizzato dalla buccia liscia e chiara, dalla polpa leggera, e molto dolce e profumata, che ricorda la zucchina. Perfetto da abbinare ad un crudo delicato e raffinato, come il Prosciutto di Parma Dop o il Prosciutto di San Daniele Dop.