La tradizione delle polpette di riso (supplì) a Roma

Se stai cercando un risotto indimenticabile a Roma, non avrai una vita facile. I romani, come i napoletani e i meridionali, erano soliti usare il riso in caso di disturbi gastrici e intestinali. In effetti, anche gli antichi romani consideravano il riso come una medicina.

Il riso è stato a lungo legato al ruolo della medicina anche quando la dinastia aragonese introdusse la coltivazione a Salerno nel XV secolo. Per molto tempo Salerno ha avuto la reputazione di migliore produzione di riso fino a quando la coltivazione è passata in Lombardia a causa delle favorevoli condizioni ambientali.

L’Italia si divise quindi in due, le regioni settentrionali relative all’uso del riso e quelle meridionali legate alla pasta. A Roma chiamiamo le famose polpette di riso “supplì”, a Napoli “sartù”, in Puglia “tiella”, in Sicilia “Arancini”.

Il supplì è uno dei simboli del fritto romano: può essere un antipasto, un contorno, un finger food, uno spuntino o un pranzo in piedi. Ciò che conta di più è che sia ben fatto.

Un supplì di riso ben fatto a Roma deve rispettare determinate regole.

Dimensione e forma. Non troppo piccolo, né troppo grande, con la forma di un uovo che può essere mangiato in due morsi.

Mozzarella. Un cubo di mozzarella deve essere posizionato al centro .

Frittura a secco: L’esterno delle polpette di riso, coperto di pane secco macinato, dovrebbe essere come una crosta secca.

Al primo o al secondo morso, assaggerai la mozzarella sciolta che lascerà un filo lungo. Per questo motivo, le palline di riso romane sono chiamate ” supplì al telefono ” (in memoria dei fili del telefono).

Il nome supplì deriva dalla parola francese “sorpresa” ed è legato all’effetto della mozzarella.

A Roma molte pizzerie, trattorie, ristoranti  vendono supplì.

Alcuni importanti storici e intellettuali, quando a Roma, furono deliziati dalla qualità del supplì. Sembra anche che James Joyce ne abbia parlato 20 anni dopo il suo viaggio in Italia. Quindi, non puoi lasciare Roma senza assaggiare il supplì.